venerdì 4 gennaio 2013

In dettaglio sul Fiscal Cliff

Il 2 Ottobre scorso parlavo in un post del problema del Fiscal Cliff, apparentemente risolto sul filo di lana tre giorni fa.
Come ricorderete, si trattava sostanzialmente di una serie di misure fiscali prese dal presidente Bush per rilanciare l'economia americana, e si concretizzavano in una serie di tagli alle tasse. Lo scorso 31 Dicembre, se non ci fosse stata una proroga o se comunque (come è avvenuto) non ci fosse stata una rivisitazione di questo pacchetto fiscale il problema sarebbe stato molto duro da affrontare, perchè di fatto e di colpo sulle teste dei cittadini americani si sarebbero abbattute imposte e tasse per circa 2500/3000 $ a testa.
Com'è andata a finire nel dettaglio?.
Direi....benino. Per le persone che guadagnano oltre 400 mila dollari l'anno sale dal 35% al 39,6% l'aliquota del prelievo fiscale. 450 mila per il reddito famigliare. Sempre per questo scaglione di reddito la tassazione sui dividendi e sui capital gains sale al 20%.
Arriva un forte aumento sulla tassa di successione (che da noi, "stranamente"...., si applica solo per eredità superiori ad 1 mln di €): dal 35 al 40% sulle proprietà che superano il valore di 10 mln di dollari.
Sono confermati gli sgravi per le famiglie della classe media e le agevolazioni per i disoccupati di lungo periodo vengono estese fino alla fine del 2013 (misura che coinvolge oltre 2 mln di persone...).
Restano i crediti d'imposta per chi ha figli in età scolare e restano fino a fine anno quelli per le imprese che investono in ricerca e innovazione.
Sul lato dei tagli alla spesa invece si è votato soltanto un rinvio di due mesi.
Direi quindi che la "bastonata" l'hanno presa i ceti ricchi, perchè l'aumento dell'aliquota di 4,6% punti (dal 35 al 39,6%) non è cosa da poco, mentre su tutto il resto si è cercato di guadagnare tempo. Resta il problema tremendo del grande debito pubblico americano, affiancato ad un deficit persistente e ad un tasso di disoccupazione si sceso ma non abbastanza.
Le borse hanno festeggiato alla grandissima, e l'euforia è ancora nell'aria. Ma attenzione, perchè evitare il fiscal cliff è stato certamente un ottimo segnale ma alcuni problemi di fondo restano.




Si è verificato un errore nel gadget

Calcolatrice